Frutta secca: ecco la dieta ideale per le festività

Ricca di nutrienti e e alleata per la salute: la frutta secca è perfetta anche per le feste di Natale.

Visualizza articolo

Avete mai fatto caso che la frutta secca è inserita in diverse diete sane ed equilibrate? Ovviamente non è un caso, consumarne 30 grammi al giorno ha numerosi benefici. Oltre ai tantissimi nutrienti che contiene infatti è ideale per controllare il peso e combattere patologie cardiovascolari.
Ad affermarlo è il Congresso dell’American Heart Association che ha evidenziato le proprietà benefiche della frutta secca. In particolari i cardiologi statunitensi si sono concentrati sulla frutta secca che viene comunemente consumata sotto le feste di Natale, tra il 25 dicembre e il 6 gennaio appunto. Gli esperti hanno sottolineato la concentrazione di selenio delle noci brasiliane, fonti inoltre di acido oleico e vitamina E. Si sono poi soffermati sull’importanza delle proteine vegetali come gli aminoacidi essenziali nelle noccioline. Unica accortezza le porzioni: basta non esagerare.

Mandorle e castagne

Le mandorle sono ricche di magnesio, vitamine del gruppo B, vitamina E, calcio, acidi grassi essenziali e fibre. Sono perfette per il nostro organismo: regolano l’attività intestinale e contrastano le malattie cardiovascolari. Inoltre le mandorle migliorano le qualità mentali: se mangiate come spuntino diminuiscono il colesterolo HDL e offrono una migliore sensibilità insulinica.
Le castagne sono ricche di carboidrati e sali minerali come potassio e fosforo. Ideali da consumare anche sotto forma di farina o nei dolci, le castagne contengono zuccheri facilmente assimilabili. Hanno inoltre fibre, rame, ferro e proteine, perfette per chi pratica sport.

Frutta secca per bambini

Ogni bambino dovrebbe consumare la frutta secca all’interno di una dieta equilibrata. Non è però sempre facile far mangiare noci, mandorle o nocciole ai più piccoli. Si possono allora utilizzare piccoli stratagemmi: provate a frullarla e inserirla nei dolci (anche mischiata alla farina) oppure aggiungetela in polvere nel latte e cacao.


Alimentazione